DALL’IDEA AL SET

Operazione Rif. PA 2018-9763/RER approvata con deliberazione di Giunta Regionale n. 1140/2018 del 16/07/2018 e cofinanziata con risorse del Fondo sociale europeo e della Regione Emilia-Romagna

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCRITTURA E REGIA CINEMATOGRAFICA
“DALL’IDEA AL SET” 


DIREZIONE ARTISTICA E DIDATTICA DEL CORSO: GIORGIO DIRITTI


Nella tradizione cinematografica europea esiste una figura complessa e articolata, quella dell’Autore cinematografico, che racchiude in sé tutte le figure creative e tecniche legate all’ideazione di un film.
L’Autore cinematografico ovvero il regista-sceneggiatore si esprime nel soggetto (dallo sviluppo di un’idea alla sua scrittura), nell’elaborazione della sceneggiatura e nella sua realizzazione vera e propria attraverso il lavoro registico, dirigendo e controllando tutti gli aspetti artistici e creativi e partecipando anche alle scelte produttive e organizzative.


Struttura del corso: 600 ore non consecutive, di cui 360 ore di aula e 240 ore di project work; il corso si svolgerà perlopiù a Bobbio (Pc). 

Il corso, co-finanziato dal Fondo sociale europeo, è gratuito e prevede il rilascio di un un attestato di frequenza.

Il corso è a numero chiuso. Sono previsti 12 partecipanti.
E’ destinato a persone residenti o domiciliate in Emilia-Romagna con conoscenze e capacità attinenti l’area professionale.
Nel caso di domande superiori ai posti disponibili è prevista una prova di selezione (scritta e orale).


Quando: da febbraio a dicembre 2019.

Direzione artistica e didattica: Giorgio Diritti
Regista, sceneggiatore e montatore bolognese, Giorgio Diritti è uno degli artisti più interessanti della sua generazione; si è formato con Pupi Avati e Federico Fellini e lega il suo nome a tre film pluripremiati: «Il Vento fa il suo giro», «L’uomo che verrà» e «Un giorno devi andare».
Il suo film d’esordio, “Il vento fa il suo giro” (2005), partecipa ad oltre 60 festival nazionali ed internazionali, vincendo una quarantina di premi. Riceve 5 candidature ai David di Donatello 2008 (fra cui Miglior film, Miglior regista esordiente, Miglior produttore e Migliore sceneggiatura) e 4 candidature ai Nastri D’argento 2008.
Il suo secondo film, “L’uomo che verrà” (2009), viene presentato nella selezione ufficiale del Festival Internazionale del Film di Roma 2009, dove vince il Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio D’argento, il Premio Marc’Aurelio D’oro del Pubblico e il Premio “La Meglio Gioventù”. Si aggiudica inoltre i Premi come Miglior film, Migliore produttore e Migliore suono di presa diretta ai David di Donatello 2010 e i Premi come Miglior produttore, Migliore scenografia e Miglior sonoro ai Nastri d’Argento 2010.

Docenti: (oltre a Giorgio Diritti)
– Fredo Valla, sceneggiatore dei film di Diritti “Un giorno devi andare” e “Il vento fa il suo giro” (quest’ultimo 1° Premio sceneggiature al Filmfestival di Trento), si è formato con Ermanno Olmi e ha un’esperienza che spazia dai documentari alle video installazioni;
– Marco Pettenello, sceneggiatore pluripremiato – tra i tanti riconoscimenti si segnalano il Premio Solinas, il Premio Suso Cecchi d’Amico, il Premio Tonino Guerra – è cresciuto professionalmente con Carlo Mazzacurati, con cui ha scritto La giusta distanza, La passione, La sedia della felicità; ha lavorato anche con Andrea Segre e Silvio Soldini;
– Professionisti del settore cinematografico (direttore della fotografia, scenografo,costumista, produttore) in via di definizione. 

Articolazione del corso
Il corso prevede la realizzazione di un cortometraggio diretto da Giorgio Diritti e fornisce ai partecipanti la straordinaria occasione di seguire e partecipare direttamente a scrittura, preparazione e riprese di un piccolo film, acquisendo conoscenze e competenze cinematografiche “sul campo”.
Il percorso formativo è nello specifico articolato in quattro moduli:
– Ideazione e scrittura: dall’idea alla sceneggiatura
La sceneggiatura è alla base di ogni grande film. Il corso inizia da qui per condurre gli studenti nell’apprendimento teorico e pratico dell’elaborazione e della stesura del soggetto, della scaletta, del trattamento e della sceneggiatura sia a livello di forma che di contenuti che di struttura (scene, personaggi, unità di tempo e spazio, azione, descrizioni, dialoghi…).
– Pre-produzione
Una volta pronta la sceneggiatura il corso procede conducendo gli studenti nell’apprendimento teorico e pratico dell’analisi tecnica (lo spoglio) della sceneggiatura e nell’apprendimento di tutta la fase di pre-produzione di un’opera audiovisiva: individuazione delle location, casting, calendario di lavoro, dinamiche organizzative di un set cinematografico.
– Riprese: dalla scrittura al set
Il corso procede conducendo gli studenti nell’apprendimento teorico e pratico della delicata fase delle riprese cinematografiche. I futuri registi dovranno infatti imparare a conoscere le inquadrature, i movimenti della macchina da presa, le modalità di lavoro con gli attori, le relazioni con i reparti (fotografia, costumi, scenografia, elettricisti e macchinisti, produzione), la troupe, le dinamiche del set.
– Visione materiale girato e confronto con montatore
Visione materiale girato e confronto con montatore. Nell’ultima fase del corso gli studenti vengono guidati nella supervisione al montaggio: un regista moderno deve saper valutare tecnicamente e artisticamente l’esito del girato in fase intermedia e sapersi confrontare con la figura del montatore.


SCARICA LA LOCANDINA DEL CORSO


Info
Per informazioni amministrative e tecniche sulle modalità d’iscrizione e sulla didattica del corso: cinema@eciparpc.it

Per informazioni di carattere artistico, cinematografico e didattico: info@fondazionefarecinema.it


SELEZIONI CONCLUSE


clicca qui per vedere l'esito delle selezioni



Richiedi informazioni

SI NO